FONDI DI GARANZIA - Fondo garanzia mini bond

Fonte normativa e modalita' di richiesta

  • Le disposizioni operative appositamente aggiornate con le integrazioni relative alla concessione della garanzia su singole operazioni di sottoscrizione di minibond e le modalità operative relative alla concessione di garanzie su portafogli di mini bond sono state pubblicate sul sito del Fondo di Garanzia per le PMI (Circolare n. 674) e del Ministero dello Sviluppo Economico.
  • Le disposizioni operative seguono quanto stabilito dal Decreto interministeriale Tesoro-Ministero dello Sviluppo dello scorso 5 giugno, e  pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 26 luglio che a sua volta dava attuazione alle norme introdotte dall’’art. 12, comma 6-bis, del Decreto Destinazione Italia (decreto-legge n. 145/2013) che  ha previsto che la garanzia del Fondo (art. 2, comma 100, lettera a), della legge n. 662/96) possa essere concessa, in aggiunta a quanto già previsto dalla legislazione vigente, in favore delle società di gestione del risparmio che, in nome e per conto dei fondi comuni di investimento da esse gestiti, sottoscrivano obbligazioni o titoli similari emessi da piccole e medie imprese. Lo stesso comma 6-bis prevede espressamente che la predetta garanzia possa essere concessa a fronte sia di singole operazioni di sottoscrizione di obbligazioni e titoli similari, sia di portafogli di operazioni.
  • Le richieste di ammissione per le garanzie su singoli mini bond o su portafogli di mini bond potranno essere presentate a partire dal 7 novembre 2014
  • Dovranno essere inviate al Gestore del Fondo (Banca del Mezzogiorno – MedioCredito Centrale S.p.A.), utilizzando l’apposito modulo
  • Il Fondo può concedere le garanzie fino ad un massimo di risorse impegnate pari a 50 milioni di euro, da ripartirsi per il 40% per le garanzie per singole operazioni di sottoscrizione di mini bond e per il 60% per le garanzie su portafogli di mini bond.

Principali effetti

  • Il Fondo di garanzia potrà impegnare 50 milioni (a cui se ne potranno aggiungere altri 50 quando saranno tutti esauriti) per concedere garanzie su minibond o portafogli di minbond con un effetto leva stimato in quasi un miliardo
  • La misura massima di garanzia del Fondo coprirà il 50% dell'ammontare della singola operazione di sottoscrizione nel caso in cui sia previsto un rimborso a rate (“amortizing”) che scenderà al 30% in caso di rimborso unico (”bullet”) a scadenza
  • Ciò comporterà una quota comunque importante del rischio dell'operazione finanziaria in capo al sottoscrittore che sarà così più responsabilizzato alla migliore selezione delle Pmi su cui investire
  • Da Parte loro le imprese dovranno avere informazioni di bilancio più trasparenti, con il rating obbligatorio in caso di operazioni su portafogli di minbond
  • L'importo massimo garantibile per ogni Pmi beneficiaria sarà al massimo di 1,5 milioni di euro. Oltre a banche e intermediari finanziari vigilati, possono richiedere la garanzia del Fondo sia su singole sottoscrizioni di minibond che su portafogli i gestori (tra cui Sgr, Sicav e Sicaf) anche per conto dei fondi comuni di investimento

Caratteristiche

Possono richiedere la garanzia diretta del Fondo, le banche, gli intermediari finanziari e i gestori relativamente a mini bond con le seguenti caratteristiche:
  • Finalizzati al finanziamento dell’attività d’impresa
  • Non avere a oggetto la sostituzione di linee di credito già erogate al soggetto beneficiario finale
  • La sottoscrizione e la messa a disposizione delle somme al soggetto beneficiario finale devono essere successive alla data di delibera del Consiglio di gestione di accoglimento della richiesta di garanzia del Fondo
  • Durata compresa tra 36 e 120 mesi
  • Non essere presenti altre garanzie, reali o assicurative, per la quota coperta dalla garanzia del Fondo
  • Non devono prevedere l’obbligo di conversione

IMPRESA


la piattaforma pmi è un sistema dedicato alle piccole-medie imprese che perseguono strategie di crescita e di internazionalizzazione ed intendono conoscere ed accedere a nuovi ed alternativi strumenti di finanziamento come mini bond, finanziamenti europei e crediti certificati.


MAGGIORI INFORMAZIONI

INVESTITORE


LA PIATTAFORMA PMI PRESENTA LE CARATTERISTICHE DELLE AZIENDE ATTRAVERSO UNO SCREENING AUTOMATIZZATO IN GRADO DI INDIVIDUARE LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ PER GLI INVESTITORI QUALIFICATI.
LA PIATTAFORMA PMI FORNISCE SERVIZI AGLI INVESTITORI QUALIFICATI PER ANALIZZARE LE PICCOLE-MEDIE IMPRESE ITALIANE.

MAGGIORI INFORMAZIONI